Taglio dell'erba per gli animali del podere

Taglio dell'erba per gli animali del podere

venerdì 6 luglio 2012

Giugno ed il fieno: il mese più lungo


Mettermi seduto di fronte al computer mi appare oramai come una cosa remota e strana.
Il mese di giugno è SENZA ALCUN DUBBIO il mese più lungo dei dodici che compongono il mio anno, ed in questo mese si giunge all'apice della lunghezza di giorno rispetto alla notte, esplode il lavoro nell'orto, gli animali danno il loro massimo daffare, la frutta inizia a maturare, c'è la vigna da sfemminellare e accapannare, e ancora molte altre cose.
Ma forse, per quanto mi riguarda, il lavoro più impegnativo è senza dubbio la fienagione: il taglio del fieno che sancisce il termine dell'anno vegetativo dei prati.
Ma partiamo dall'inizio: ho due tipi di prati , di cui uno di poco meno di un ettaro dove ho dell'erba medica ed un altro di oltre 4 ettari dove ho un polifita oramai settennale.
Doverose sono delle precisazioni.

Il prato, il pascolo e l'erbaio spesso vengono confusi, o intesi come la medesima cosa (sopratutto per chi non mastica molto di fienagione): il pascolo è quel luogo dove si lasciano (appunto) pascolare gli animali, e dove generalmente non si effettua alcuno sfalcio; l'erbaio è un campo che viene arato e seminato ogni anno in modo da offrire una coltura annuale (per esempio avena, loietto, etc) che viene sfalciata e che terminerà il suo ciclo non fornendo più altro tipo di foraggio (a meno che non venga riseminata l'anno successivo); il prato è quel campo che viene lavorato, seminato...e che per anni offrirà erba da sflacio (volendo anche da pascolo) e che esaurirà il suo ciclo produttivo solo dopo diversi anni.

Prato di Erba Medica pronto per il Secondo Taglio

L'erba medica, che generalmente è la più usata per fare i prati, è una pianta erbacea dicotiledone che viene molto impiegata in zootecnia: cresce un pò ovunque, è molto proteica, azota il terreno su cui dimora e offre almeno due sfalci (detti TAGLI) a seconda della stagione.
Io l'erba medica la uso per i conigli (generalmente di secondo taglio) e per le capre (di primo taglio).
Quele la distinzione fra i due tagli?
Il Primo Taglio viene fatto (nella mia zona e alle mie altitudini) a fine maggio: è un taglio che è ricco anche di tutte quelle piante erbacee che sono nate nella primavera (per esempio avena selvatica, orzo selvatico, rapacine, etc) e quindi l'erba medica è talvolta in minore percentuale rispetto a tutte le altre varietà presenti nel campo.   Per molti è considerato un taglio meno nobile, ma per le mie capre è un vero toccasana in fase di lattazione: infatti l'erba medica aiuta molto la produzione di latte dei ruminanti, e le tante varietà minori (e povere) presenti in questo taglio risultano molto più appetibili in associazione fra di loro.  E un fieno molto apprezzato anche dai cavalli e spesso questo è anche detto Fieno Naturale (proprio per la presenza massiccia di erbe spontanee rispetto all'Erba Medica).
Il Secondo Taglio di erba medica vede la presenza di questa ben oltre il 90%, e quindi è un fieno bello concentrato (a mio avviso troppo per le mie capre...perlomeno per quelle che sono le mie pretese nei loro confronti), ma adattissimo ai palati fini e delicati dei conigli.  Io almeno la uso per questo, oltre che per mescolarlo ad altri fieni decisamente più poveri.
Nelle estati piovose è possibile anche fare il Terzo Taglio, dove l'erbamedica è presente al 100%, ma inizia ad essere molto dura nel gambo...e spesso più povera delle sue sostanze nutritive. In alcune zone d'Italia si riesce a fare pure il Quarto Taglio, ma qui da me è un'utopia già fare il terzo.

Prato di Erba Medica dopo il Secondo Taglio


Parliamo adesso del prato polifita.
Nel mio caso si tratta di un prato vecchio di sette anni, che in origine era stato seminato con della Festuca, del Trifoglio Ladino, del Loietto e del Ginestrino, ma che ad oggi presenta anche varietà come la veccia villosa, la gramigna, il tarassaco, la sulla, l'avena selvatica e l'erba marzolina.
E' un prato ricchissimo, e perfetto per i cavalli e per il mantenimento delle capre: offre un unico sfalcio all'anno, ma che fornisce grandi quantità di fieno, e quest'anno ben 500 presse di questo fieno sono stivate nei vari fienili intorno casa mia.

Pressatura del prato polifita

Per chi alleva erbivori il taglio del fieno (e quindi la fienagione) è il massimo impegno perchè rappresenta l'alimentazione di tutto un anno, e quindi è un momento delicato dove ci si deve scontrare con la stagione (il rischio di pioggia mina la serenità del sottoscritto per oltre un mese) e con i macchinari (che al momento che vai a riutilizzarli hanno sempre nuovi acciacchi e mille modi per avvelenarti la giornata).
Ma quando il fieno è stivato...ci si sente più leggeri e si ha voglia di ridacchiare ed andarsene a letto per una settimana filata.
Le presse pesano, e come per la legna ci scaldano molte volte ...ma peccato che siamo di Giugno, e tutto quel "calore" non si richiederebbe affatto.
In parallelo alla fienagione c'è poi da mungere le capre, curare l'orto ed iniziare ad annaffiarlo, fare il formaggio, accudire tutti gli altri animali, e come detto all'inizio, la vigna che reclama lavori lunghissimi.
Quest'anno mia moglie e mio babbo mi hanno dato (e mi stanno dando) una bella mano: non mi aspettavo tutto questo fieno, e quindi la mole di  lavoro ha superato ogni mia aspettativa.

La "barca": una stiva di presse impilate e coperte con un telo

Ma torniamo a Giugno...
La notte canta l'assiolo e, mentre i cani dei poderi vicini latrano alla luna, il tempo che si rimane coricati è sempre molto breve: io generalmente vado a letto dopo le undici di sera, e mi svaglio verso le 5 - 5:30 del mattino.  Al pomeriggio il riposino è dìobbligo, anche perchè il caldo forte non permetterebbe di lavorare all'aperto.
Giugno ha il profumo dello spigo (fiore di lavanda) colto per San Giovanni assieme all'Iperico, dell'erba tagliata, del fieno cotto al sole, della terra dell'orto bagnata e scaldata, del fiore di malva e delle foglie di pomodoro.
Giugno ha il suono delle prime cicale, del garrire delle rondini, del bramito dei caprioli, delle capre che belano perchè il pascolo inizia a seccare, del trattore che sfalcia il fieno, del vento che muove le piante d'orzo.
Giugno ha il sapore dolce della frutta matura e quello aspro di quella ancora acerba (ma tanto buona da lasciarsi assaggiare ugualmente), ha quello succoso del primo pomodoro, e quello infinitamente speciale del fiore di zucchina (magari fritto), del vino di casa tenuto un pò al fresco per dissetare meglio e del salmastro trasportato dal vento di ponente.
Giugno ha il colore del fieno verde appena tagliato, e di quello giallo oramai arso al sole (e da pressare), dell'arancione del sole che brucia gli occhi (a fissarlo), e del rosso del mio trattore che non se ne sta fermo un attimo, dell'azzurro del cielo di giorno e del blu tutto stellato di notte.
Giugno è un mese bellissimo, ma forse troppo lungo per chi fa il contadino come me.

17 commenti:

  1. molto poeticamente bucolico, questo post, veramente bello!!!! Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il "poeticamente bucolico".
      La fienagione, assieme al taglio della legna, la vendemmia, la raccolta delle olive e delle castagne, e la trebbiatura, è senza dubbio un momento corale di tutta la mia famiglia dove si raccoglie il frutto (e le speranze) di un anno.

      Elimina
  2. Ho letto tutto con grandissimo piacere. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro TroppoBarba, presto parlerò anche dell'orto (oggi ho iniziato a cavare gli agli), e lì spero di farti fare due risate con i miei risultati di ortolano "border line".

      Elimina
  3. mentre l'erba cresce, crescono i pensieri di come riuscire a far tutto ...si suda, ci si arrabatta, ma sembra che manca sempre il tempo per finire di far tutto.
    Bene o male giugno passa, e arriva luglio il mese di sofferenza, di ingiallimento delle foglie, di piante che seccano perché non sono abituate a questo clima!!

    complimenti per tutto il lavoro fatto e un grazie per averlo condiviso con noi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E grazie a te per essere sempre così presente.
      Spero di leggere presto nuovi interessanti aggiornamenti nel tuo sito.
      Intanto...luglio è uno dei mesi con cui ho meno affinità, e assieme ad agosto rappresenta un momento difficile per il mio orto.
      Ma ci sono anche questi mesi, e bisogna prenderli per come vengono (io sognando l'autunno).

      Elimina
  4. Cosa intendi con"accapannare"la vigna?

    RispondiElimina
  5. Accapannare la vigna vuole dire arrotolare i tralci lungo il filo più alto del filare, senza cimarli.
    Si fa questo per sistemare i tralci che altrimenti invaderebbero il passaggio e sarebbero strappati o troncati, ed inoltre andrebbero a coprire (fare ombra) al grappolo che si sta sviluppando più in basso.
    In molti praticano la cimatura dei tralci, ma personalmente sono contrario (salvo eccezionali occasioni), e quindi lascio tutto in modo più naturale possibile...semplicemente sistemando al meglio.

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. Uno dei tanti... e poi neanche il peggiore.
      Per accapannare si usa il filo di canapa, che non inquina e al momento della stralciatura viene via (se ancora non si è sfatto) con i tralci, e va trinciato o bruciato con essi senza alcun problema.

      Elimina
  7. ...Tanta fatica, ma alla fine anche grande soddisfazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le soddisfazioni più belle sono quelle che prevedono tempi di attesa lunghissimi e/o tanta fatica.
      La Natura permette ogni giorno di avere soddisfazioni, credimi.

      Elimina
  8. bello che nonostante tutto il lavoro e la fatica riesci comunque trovare il tempo per guardare i colori, i profumi, i sapori, i suoni. è sicuramente un aiuto per sopravivere...anche in luglio! ciao p.

    RispondiElimina
  9. Luglio è un mese tremendo, ma per fortuna si tira un pò il fiato.
    Ciao a te

    RispondiElimina
  10. Ma quanto vi ammiro,te e tua moglie e come condivido le vostre scelte; lascerei tutto subito per abbracciare uno stile di vita come il vostro,e non lo dico sulla scia dell'entusiasmo,lo sò che vivere così è fatica,sudore,sacrifici,ma....LA LIBERTA' NON HA PREZZO! Buona vita.Iris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Iris, e nonostante la fatica c'è sempre presente un forte senso di libertà.

      Elimina
  11. gennaro del vecchio9 settembre 2016 16:49

    caro amico ho letto tutto ciò con piacevole interesse e vivendo e rivivendo i tuoi descritti momenti.non faccio il contadino perchè nn ho abbastanza terreno ma ti assicuro che l'ho fatto e mi rimbombano sempre le parole di mio padre che rinunciò di fare l'operaio nella ferrovie all'inizio degli anni 60 e restare contadino solo per la sua libertà e amore per la terra. io per discendenza facevo sfalcio e pascolo nell'aeroporto militare di napoli ( capodichino) ne ho alzate di pressette come dite voi, e conosco bene tutta la procedura per fare fieno e la sua aroma che mi ha sempre accompagnato negli anni a partire da Maggio.adesso ho solo i mezzi e lo faccio per amore più che per hobby. gdelvekkio@gmail.com

    RispondiElimina