Taglio dell'erba per gli animali del podere

Taglio dell'erba per gli animali del podere

giovedì 21 novembre 2013

Le Liste di A.A.

Sta piovendo,
ed è una di quelle giornate dove il vento, il freddo e la pioggia paiono aver voglia di sfogarsi: come se fossero appena stati liberati dal Vaso di Pandora, picchiano violentemente sul tetto della casa, lasciano cadere le ultime foglie degli alberi, e mettono a tacere le tortore sui cipressi.
Il fuoco (anzi...i fuochi) in casa sono accesi, e mi concedo il lusso di scrivere al computer di prima mattina.

Qualche giorno fa parlavo con un mio amico agricoltore, ed assieme facevamo delle liste: liste sulle attrezzature agricole che ci servirebbero, liste sugli animali che vorremmo allevare, liste sulle lavorazioni da fare, liste sulle strutture mancanti in azienda, liste sui prodotti alimentari da realizzare, e così via.
Lui spesso sorrideva quando io parlavo delle mie liste, e quando facevo quegli elenchi per lui così strani, ma è mio amico e pareva comprendere.
Entrambi giovani agricoltori, entrambi equilibristi in questo mondo di precarietà, entrambi squattrinati, entrambi felici della propria scelta di vita, ma profondamente diversi sulla via da percorrere.
Lui, radicato nell'agricoltura convenzionale, con continui richiami alla chimica di sintesi, ai "nuovi prodotti agricolo-industriali", al " bisogna produrre tanto", alle alte cilindrate dei trattori, alla volontà di realizzare intensivo...
Io, radicato nell'agricoltura NON convenzionale e di matrice tradizionale e Naturale, convinto nell'escludere chimica di sintesi, alla continua ricerca di "rimedi antichi" per curare o prevenire, al "bisogna ascoltare la terra", alla rivalutazione della trazione animale integrata, alla volontà di diversificare le produzioni e mantenere sempre la dimensione umana del proprio operato...
Diversi, ma amici.
In queste nostre liste spiccavano tali diversità, anche se non nego che un bel gommato da 120 cavalli proprio schifo non mi farebbe...ma bisognerebbe vedere l'utilizzo che se ne andrebbe a fare.
Credo quindi che sarebbe interessante provare a fare delle liste, e a condividerle con tutti voi.
Le liste che farò:
Lista n°1: le colture (erbacee ed arboree) che facciamo/vorremmo fare
Lista n°2: gli animali dell'azienda ed il loro impiego
Lista n°3: trattori ed attrezzature agricole
Lista n°4: il podere e le strutture nell'azienda
Lista n°5: le produzioni e la vendita

Spero di avere abbastanza costanza e volta per volta cercherò di scrivere una lista cercando di condividere con tutti voi le motivazioni e accogliendo consigli, idee e critiche.

10 commenti:

  1. Le aspettiamo con curiosità

    RispondiElimina
  2. Per una che ama liste sarà un grande piacere leggere le tue, senz'altro molto interessanti, aspetto con gioia la prima. Buona serata e buon lavoro
    Emi

    RispondiElimina
  3. Quando piove è il momento migliore per riorganizzare le idee, e pensare ai progetti futuri.
    Anche io ho una lunga serie di cose da fare e di liste da scrivere. Una cosa a cui tengo è riuscire a mettere quella fogliolina verde fatta di stelline sull'etichetta del mio miele!!

    ciao, a presto!

    RispondiElimina
  4. Una volta facevo anche io le liste. Mi aiutavano ad organizzare le idee e a non perdermi in mille cose inutili. Mi sa che quest'anno farò anche io delle liste. L'orto è andato talmente male che mi devo organizzare meglio, con piante autoctone, tunnel e forse una piccola serra.
    Attendo le tue liste. Sono curiosa!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  5. ogni giorno rimango stupito nell'apprendere le assurdità del "progresso", nei campi più disparati. Mi fa molto piacere che c'è qualcuno che la pensa così sul modo di fare agricoltura! complimenti e spero di leggere presto altri tuoi post.

    Damiano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Damiano,
      e se avrai idee da proporre saranno ben accette!
      Ciao
      A.A.

      Elimina
    2. non so se potrò darti molti consigli, sicuramente sei più esperto tu di me nel settore! io sono un ragazzo di 25 anni ingegnere che studiando ha capito che c'è qualcosa che non quadra in questo mondo. Sono appassionato di agricoltura e un pò a tutti gli argomenti su cui scrivi su questo blog! Io mi diverto a dedicare il mio tempo libero in un pezzo di terra nei colli berici, sperimentando sulle innumerevoli attività che ci offre la natura!

      Ciao,
      Damiano

      Elimina
  6. Non sono in grado di dare consigli tecnici, ma ti seguo con affetto e ammirazione. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapere che c'è chi ti legge...chi prova ad immedesimarsi in un mondo che magari non gli appartiene...sapere che c'è chi ha voglia di capire...
      Questa è la grandissima risorsa che questo blog mi sta dando, e sarò ben felice (sempre) di accogliere ogni punto di vista...anche da chi apparentemente non ha alcun consiglio tecnico da dare.
      Ciao
      A.A.

      Elimina
  7. Evviva l'agricoltura di qualità..,le quantità sfruttano solo l'ambiente e gli animali.E che dire delle liste.....ne faccio tante anchio ma.....le cose vanno per conto loro.Ma quello che riguarda l'agricoltura e gli animali mi interessa molto,e allora aspetterò quello che hai da proporre.Ciao Daniela

    RispondiElimina