Taglio dell'erba per gli animali del podere

Taglio dell'erba per gli animali del podere

lunedì 23 marzo 2020

Cronache di inizio primavera

E' primavera.
Ed anche se il merlo canta a buio da almeno un mese, è Primavera "soltanto adesso".
Negli ultimi venti giorni soltanto uno è stato di pioggia leggera, e poi sempre sole.
Il caldo ha vinto su tutto il resto, e pure qui in montagna abbiamo toccato i 17°C, una storia di fantascienza per questi luoghi.
I daini maschi hanno iniziato ad accompagnare l'imbrunire con il loro bramito già a metà febbraio, ed adesso i concerti si fanno decisamente intensi.
Durante il giorno, dalla prateria, arriva un lontano frinire di grilli.
Le violette mammole, viola o gialle che siano, spuntano ovunque, a migliaia e migliaia, mentre le primule chiare esplodono nel sottobosco.
Le gemme dei castagni, gonfie, paiono voler occhiellare, mentre i ciliegi selvatici si apprestano a colorare il bosco delle loro maestose fioriture.
C'è odor d'Aprile nell'aria, e nessun pettirosso è più apparso intorno casa.
La vecchia lepre che vive nell'aia di casa pare aver voglia di addomesticarsi, mentre le galline piumeggiano a primavera.
L'orto, vangato poco alla volta, si appresta alle semine di Bietole, radicchi e qualche patata.
Il semensaio di mia moglie invece accoglierà qualche esperimento con zucche e cicorie.
La legna, che non è mai abbastanza, s'accatasta nell'aia, pronta per essere spaccata.
Nel bosco i biancospini sono oramai in fiore.
Le giornate, oramai lunghe, si fanno sentire nella loro pesantezza, e presto si cenerà con la luce del sole.
Ma, stamani eravamo sotto zero, ed una perturbazione arriva sull'Italia: mercoledì o giovedì potrebbe perfino nevicare.
La tramontana spicchia dietro il poggio, e taglia le gote e blocca le dita.
La casa è calda, e ci abbraccia ad ogni nostro rientro.
C'è tanto da fare,,,
Buona Primavera

11 commenti:

  1. Qui un soffio di neve è arrivato :(
    Ci eravamo dimenticati del freddo ma alla fine è arrivato... in Primavera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui nevica da due ore, ma il sole buca le nuvole, e non credo che attaccherà, perlomeno nelle ore diurne.
      A.A.

      Elimina
  2. Buona primavera anche a Te.
    Tutto vero quello che scrivi, ma stanotte ha gelato e una pianta di kiwi ha le foglioline appassite dal gelo e per quest'anno non produrrà frutta. Attendo la pioggia con ansia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nevica, ed il mondo già silenzioso, lo pare ancor di più-
      Nevica, sul nascere delle fioriture dei ciliegi.
      A.A.

      Elimina
  3. Finalmente esco dall'ospedale lasciando li' un po' di paure e di ossessioni. Tocchi qualcosa o qualcuno subito a disinfettare, sanificare , pulire. Occhio e concentrazione a tutto quello che fai, covid19 non ammette errori o distrazioni. Anche andare alle macchinette del caffè, aprire una porta, prendere l'ascensore, cambiarsi è diventato impegnativo e pericoloso.
    La primavera è attorno, non ancora esuberante, ma il mio cervello è altrove, covid19 ne ha catturato la parte emotiva; è come una cattaratta che obnubila e mi fa apparire il mondo diverso.
    Finalmente a casa, le piante del bosco, le colline e i monti che mi circondano sembrano proteggermi da questa triste realtà. Moglie e figlia sono da tempo invece in montagna. Io sto diradando gli incontri reali e moltiplicando con loro quelli virtuali. Sento il bisogno di sfogare la tensione accumulata e di ritrovare una qualche forma di normalità. Per uscire dalla nube mi sono messo d'impegno a bonificare un terreno sassoso con pala, piccone e rete che mi serve da setaccio. Adesso se qualcuno vuole può anche impiantarci le carote con tutte le cariole di sassi che ho tolto! In attesa di una primavera spensierata e diversa medito sul fatto che è soddisfazione stare con le mani sporche di terra e non sentire affatto il bisogno di pulirle.
    Emanuele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un periodo fastidioso Emanuele. Fortunato (si fa per dire ) chi ha terreno da dissodare. Dai che il profumo della primavera sta per arrivare.

      Elimina
    2. La fatica di questi momenti è la pura addizione di paura, ignoranza e impotenza.
      Siam chiamati a far la guerra standocene seduti di fronte alla televisione o al computer, mentre in trincea c'è chi sì immerge nelle angosce e sofferenze di quanti, da soli, debbano sopportare il peggio.
      Penso al meglio, per natura, ma trovar riparto dall'oggi è difficile anche per me.
      Emanuele: stancati, lavora duro, butta fuori le tossine, suda, fatti la doccia, e fai passare queste giornate, avendo cura di te, anche e sopratutto per gli altri.
      Forza.
      A.A.

      Elimina
  4. E' qualche giorno che non effettuo l'abituale "passeggiata" nei blog a me cari. Questo modo di scandire le giornate mi immalinconisce. Altro che mettere a posto foto di famiglia e fare repulisti negli armadi. Uff...non si vede luce.
    Ma ecco il tuo adorabile e poetico raccontarci della primavera, una pausa lieta in tanto grigiume: grazie caro amico-agricoltore
    E come previsto è arrivata la neve, tanta e a vento, in mulinelli. Ciao ciao violette nel prato. Sparito anche il lepre che veniva a trovarci ultimamente e un caro saluto anche agli ulivi potati e a quelli che attendono si asciughi il terreno, per riprendere il lavoro lasciato a metà per la tramontana che fischiava nelle orecchie, gelando mani e piedi. Mentre il giorno prima si lavorava a mezze maniche e via a bere acqua delle borracce, per il caldo e la fatica.
    Insomma il mantra continua ad essere "Andrà tutto bene".
    Voglio crederlo.
    Non ti nascondo un tarletto remoto, dentro, lavora subdolo....
    Buona primavera Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeehh...meglio non badargli! Lo voglio proprio ignorare, anzi.
      Un caro saluto Susanna

      Elimina
    2. Susanna, in questi tempi i tarli credo che più o meno li abbiamo tutti.
      Come giustamente dici te, meglio non dar loro troppo ascolto.
      Cerchiamo piuttosto di impegnarci, quotidianamente, a rendere normali e piacevoli quelle cose a cui non eravamo abituati.
      Io per primo ho difficoltà in questo...
      Ma ci provo, ogni giorno.
      A.A.

      Elimina