Taglio dell'erba per gli animali del podere

Taglio dell'erba per gli animali del podere

venerdì 7 dicembre 2018

Natale 2018

Non mi è mai capitato, neppure una volta, di essermi dimenticato di questo "mio angolo".
I mesi in questo 2018 sono andati diritti, incuranti del mio rimanere curvo e fuori tempo, diritti e spietati, come solo la Natura poteva far accadere.
Guardo al Natale, che anch'esso si avvicina deciso, come al periodo dell'anno che più amo.
Guardo al Natale, per la prima volta, con fiele nella bocca, rammarico e risentimento.
Penso a quella Bimba, alla sua Gioia di vivere, e cresce la necessità di proteggerla da tutto questo, cresce il desiderio di continuare a consegnarle la possibilità di vivere un'infanzia felice, ignara (com'è giusto che sia) degli accadimenti che stanno coinvolgendo e sconvolgendo il suo babbo e la sua mamma.
Ho sbagliato, ed anche di molto.
Ho sbagliato io a gettarmi capofitto in un ruolo che non riusciva a convincermi fino in fondo, spinto da quella voglia di aiutare e di fare, ma... incurante (come spesso faccio) di quei segnali chiari che mi dicevano che tale scelta sarebbe stata troppo pesante da sostenere.
Ho trascurato il mio sogno e progetto di vita, arrivando quasi a dimenticarmene, per una collaborazione che mi stringeva sempre più in un isola spesso lontana da quello che io sono, e che quotidianamente consumava tempo prezioso per me, per le mie ambizioni e per i miei affetti.
Mi son bruciato, arrivando a consumarmi nel fisico e nello spirito, senza capacità di rinnovo, senza prospettive di rinnovo.
Ci ho messo sincerità, magari inesperienza, certamente inadeguatezza, voglia di imparare, voglia di migliorare, voglia di fare, sempre.
Fegato, stomaco, adrenalina, Passione, pazienza, tanta pazienza, troppa pazienza, incertezza, certezza: tutto mi ha accompagnato in questo percorso tanto illuminato quanto nebuloso.
Ho vacillato, son caduto, mi sono rialzato, sono caduto ancora, mi sono rialzato, e sono caduto nuovamente...ed alla fine, dopo troppe tribolazioni e dopo aver rimandato per troppo tempo, ho rinunciato a continuare per questa strada che non riusciva ad essere mia: tanto, troppo lasciato indietro.
Ho anche fatto molte cose buone, e quelle le ho consegnate al tempo ed a tutte quelle persone che ho avuto modo di conoscere durante questo cammino.
All'alba dei quarantanni mi ritrovo un Agricoltore senza terra, e presto anche un Agricoltore senza Casa.
La mia colpa è quella di non essere tornato prima al mio progetto di vita, rinunciando a vedere l'ovvio, ed illudendomi di poter fare meglio. Sono stato accusato di presunzione e di arroganza per questa mia scelta, ma sempre ho pensato che avrei potuto fare meglio, e che "per forza" avrei dovuto farlo da solo.
Ad ognuno il suo: io sono un piccolo Agricoltore, che nell'anonimato trova conforto, e che ambisce a quanto gli possa bastare per vivere una vita semplice. Tutto il resto, alte ambizioni e notorietà, non fanno per me, e le consegno ben volentieri a chi saprà goderne.
D'ora in avanti tirerò diritto per la mia di strada, mi rimboccherò le maniche per l'ennesima volta e ripartirò (quasi) da zero, certo che non tutto il male viene per nuocere.
Troverò della terra in affitto, troverò un podere in affitto, e riprenderò da dove avevo lasciato prima di tutto questo.

Sarà un Natale magro, magari triste, forse con il giramento di palle, ma ci saranno sorrisi e gioie per quella pargoletta che inizia a correre a destra e manca, e che ci consegna il dono più bello della Vita: la Vita stessa.
Non so quando tornerò a scrivere su questo blog, certo come sono che gli affezionati continueranno a leggermi, certo come sono che in tanti hanno lasciato per le troppe lamentele che qui ho scritto nell'ultimo anno.
Ma Passerà...tutto passa.
Se non ci risentiamo prima, quindi, Buon Natale.
Buon Natale a tutti voi.
A.A.




32 commenti:

  1. Viviamo in un mondo di lupi...
    Mi spiace tantissimo,coraggio e Buon Natale alla tua Famiglia,ciao.

    RispondiElimina
  2. dice un proverbio,(non ricordo di chi), "cadere sette volte, alzarsi, otto!!" Ce la farai!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso di essere sin troppo stoico (lo fossi stato meno oggi non mi ritroverei qui...): rialzarmi è una mia prerogativa di vita, anche quando non ci sono appigli.
      Guai a fermarsi.
      grazie, e buon Natale.
      A.A.

      Elimina
  3. Certo che ce la farai, certo che sì!
    Ce la faremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce la faremo...lo dice mia moglie sorridendo e facendomi una carezza.
      Mani, cuore...ed anche testa non mancano, e se mi regge la schiena magari riuscirò a ripartire.
      grazie tante.
      A.A.

      Elimina
  4. Buon Natale, spero tu possa rialzarti presto, anzi sono sicuro che lo farai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore.
      Toccato il fondo, ci si può solo rialzare...
      Buon Natale a te.
      A.A.

      Elimina
  5. Mi dispiace caro AA... la vita,le persone,il lavoro,tutte le cose che ci accompagnano nel nostro percorso possono deluderci e farci soffrire...non lasciare che prevalgano! Continua a scrivere...quando sentirai la necessita' o quando semplicemente ne avrai voglia...noi saremo qui a leggerti a sorridere o a commuoverci...un abbraccio forte

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Fabio,
      anche te ci sei sempre, e guai a non risponderti subito.
      La batosta questa volta è stata grossa, ma grossa per davvero.
      Ho sbagliato, tanto, in questi ultimi quattro anni, e ne pago io le conseguenze, come purtroppo ne pagano tutti i miei cari.
      Ma non sono solo chiacchiere, e vedrai che rimboccarmi le maniche e ripartire sarà qualcosa che migliorerà tanto la mia vita e quella di quanti mi amano. La Terra non manca: c'avrò da tribolare per trovare quella adatta alla mia testa, e dovrò cercarla con una casina sopra...e la troverò, lo so.
      Mi spaventa, lo ammetto, il cambio drastico di vita che la mia famiglia dovrà sopportare di qui a poco...ma se ci si crede nelle cose, si patisce sempre a metà.
      Pane e cipolla non mi spaventano, e tutto "l'in più" sarà per quella Bimba.
      Ricambio l'abbraccio, davvero.
      A presto, spero.
      A.A.

      Elimina
  6. .....mia nonna diceva che per conoscere bene le persone devi mangiarci insieme sette quintali di cenere...io piccola no capivo...e siccome che facevamo il pane in casa al forno a legna e qualche pagnotta rimaneva attaccata un po di cenere che poi si toglieva con la scopetta. ..io pensavo quella ....invece era per dire che non ci si conoscerà mai...Hai la cosa più bella del mondo...tua figlia. ...Buon Natale A.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Franca Rita, quanto hai ragione.
      Bischero io che mi son voluto fidare...per ben due volte negli ultimi anni, e c'ho sbattuto la testa così forte che perderci tutti i denti era il minimo.
      La Campagna mi chiama, ed io le appartengo: dovrò imparare ad andare in cu.. alle sirene, e dovrò ascoltare solo la mia di testa.
      Una lezione di vita così grossa non me l'aspettavo, ma visto che mi è toccata, adesso la sfrutterò al massimo per fare meglio, per fare bene.
      Grazie
      A.A.

      Elimina
  7. A me piaceva il Tuo progetto iniziale A.A. e mi dispiace che non possa continuarlo.
    "Un chicco di grano, insieme ai suoi compagni, venne messo in una macina per essere trasformato. Non voleva farsi schiacciare e continuava a girare e girare mantenendo con ostinazione la sua posizione. Un giorno la macina disse: "adeguati" e ... ne uscì farina". Questa storiella, vecchia come il cuculo, insegna che non si può essere "diversi" da quello che ci chiede la "società".
    Io sono vecchio e ho 10 ettari di terreno da offrirti in affitto (pianura padana).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me fai venire gli occhi lucidi, lo sai?
      ...
      Tutto dovrà ripartire dal progetto iniziale, cascasse il mondo: piuttosto crepo che rinunciarci. Adesso devo farlo non solo per me, o per i miei affetti...ma adesso lo devo fare per la mia Bimba.
      E' una responsabilità ancora più grande!
      Te sei sempre stato tanto buono con me...vedrai che ripartirò, alla mia maniera.
      A.A.

      Elimina
  8. A volte i sogni o i progetti non vanno nel verso giusto.
    È un mondo storto, e la maggior parte delle persone appena può ti frega o ne approfitta per farti del male....
    Non mollare mai, e concentrati sulla famiglia e i veri amici.
    Ti auguro un buon Natale

    Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Davide per le belle parole ed il saggio consiglio.
      Ne farò tesoro.
      A.A.

      Elimina
  9. Caro Agricoltore Anacronistico,
    per quel poco che ti conosco, ovvero dalle tue parole soltanto e da poco tempo, ti sono vicina.
    Ti mando un abbraccio forte e che tu possa riprendere la tua strada con la forza che viene da una buona visione...
    =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, sono belle parole le tue.
      Mi piacciono gli abbracci.
      A.A.

      Elimina
  10. Caro Amico Agricoltore, ho davvero un nodo alla gola.
    Cribbio quanto sono palpabili la tua delusione e la rabbia per quello che state passando. Eppure, il mio fiuto dice che si tratta di una brutta storia molto simile a quella che sto vivendo con la mia famiglia e che potrebbe farmi rimettere tutto in gioco.
    Hai voglia a ripetermi "Barcollo ma non mollo!"
    A 56 anni non è lo stesso che a 40. Comincio a vacillare e ad essere veramente stanca. Non si può vivere camminando sempre sul ciglio di un burrone e sperando non tiri la bora.
    Un Natale un po'...così quello che si avvicina.
    Semmai avessi tempo o voglia ti lascio il mio indirizzo presente sul mio blog susannacerere@gmail.com

    E anche quel mio "Cerere" è un programma che non so come finirà.
    Ah anche quest'anno niente olio! Tantissime olive belle cicciotte, sode ma..con minuscoli ospiti bianchi davvero irrequieti e sgraditi.

    Spero di rileggerti presto. Ma giunga a te e alle tue donne un abbraccio affettuosissimo
    Susanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia cara Susanna, avevo qui scritto una lunga risposta, nella quale abducevo mille motivazioni a critica del mio operato ed a sostegno di questo inevitabile epilogo.
      Ma la sorte ha voluto che fosse saltata la linea telefonica, ed al momento dell'invio tutto è andato perso.
      Un segno...
      ...un segno che questo blog è oramai troppo...veramente TROPPO pieno di miei piagnistei, lamentele, e tristezze.
      Questo non è giusto per voi che leggete, ma sopratutto per il Blog stesso che di Agricoltura dovrebbe parlare...e non solo essere occasione di sfogo per il sottoscritto.
      Un segno che è ora di tornare a parlare di altro, lasciando che questo ultimo periodo della mia Vita passi, com'è giusto che sia.
      Grazie per le tue parole, sempre tanto care.
      A.A.

      Elimina
    2. Caro Agricoltore Amico, permettimi di dissentire, con tutto il rispetto.
      Ovvio che comandi tu :) il blog è "cosa tua".
      Ma a parlare di Agricoltura è...un uomo. Con i suoi pensieri, sentimenti, emozioni e problemi, oltre che gioie.
      Io spero in una svolta positiva della vostra vita. Siete giovani, forti, uniti e vi meritate ogni bene. Davvero con affetto, tanti auguri per tutto.
      Susanna

      Elimina
  11. Oh Signore, cosa è successo???
    Niente di irreparabile, spero.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto si aggiusta Silvia, in un modo o nell'altro.
      E se proprio non si aggiusta, allora vorrà dire che era il momento di cambiare qualcosa di rotto...
      Un caro saluto a te.
      A.A.

      Elimina

  12. Mentre mi spiace profondamente per quello che hai passato e per un progetto che sei costretto ad abbandonare e' bello ed importante leggere la tua determinazione nel non lascarti andare, nel voler reagire: Chi ama profondamente la natura spesso la subisce ma dalla stessa natura impara la lezione della resilienza, del non arrendersi e cercare una nuova via che e' diversa per forza ma non necessariamente peggiore. Ti scrivo dal bellunese che la natura anche quest'anno ha bersagliato: ma la determinazione di tanta gente che in queste meravigliose montagne è nata o ha deciso di vivere riesce a far ripartire con costanti piccoli passi quotidiani e sacrifici la Vita, certo non senza sconforti e delusioni, ma con la consapevolezza che per il bene proprio e di tutti e' necessario "ri-costruire", ancora ed ancora. Sono sempre più convinta che e' grazie alle tante - per fortuna - persone come te, silenziose operatrici animate da fondamentali sentimenti di attenzione, condivisione, sensibilità e volontà che il mondo va avanti ed ha ancora speranza. Ti auguro intanto un buon Natale con le persone a te care e l'augurio che un nuovo inizio porti piu serenità. Mi raccomando però: abbi cura di te, perché solo la salute ci permette di scegliere e di realizzare quanto progettiamo. Lo so che lo sai, ma altrettanto bene conosco quanto ci si lascia prendere dagli eventi, dal senso del dovere, dall'urgenza quotidiana al punto da "ignorare i segnali inequivocabili" che rischiano di spezzarci. E una volta spezzati...
    Il mio vuol essere solo un sostegno 😄, un incoraggiamento; e...a proposito del tuo scrivere sul blog: leggere le tue "cronache" e riflessioni e' sempre un piacevole e salutare sorso di preziosa, sincera umanità. Buone cose, con tutto il cuore.
    Lucia

    RispondiElimina

  13. Mentre mi spiace profondamente per quello che hai passato e per un progetto che sei costretto ad abbandonare e' bello ed importante leggere la tua determinazione nel non lascarti andare, nel voler reagire: Chi ama profondamente la natura spesso la subisce ma dalla stessa natura impara la lezione della resilienza, del non arrendersi e cercare una nuova via che e' diversa per forza ma non necessariamente peggiore. Ti scrivo dal bellunese che la natura anche quest'anno ha bersagliato: ma la determinazione di tanta gente che in queste meravigliose montagne è nata o ha deciso di vivere riesce a far ripartire con costanti piccoli passi quotidiani e sacrifici la Vita, certo non senza sconforti e delusioni, ma con la consapevolezza che per il bene proprio e di tutti e' necessario "ri-costruire", ancora ed ancora. Sono sempre più convinta che e' grazie alle tante - per fortuna - persone come te, silenziose operatrici animate da fondamentali sentimenti di attenzione, condivisione, sensibilità e volontà che il mondo va avanti ed ha ancora speranza. Ti auguro intanto un buon Natale con le persone a te care e l'augurio che un nuovo inizio porti piu serenità. Mi raccomando però: abbi cura di te, perché solo la salute ci permette di scegliere e di realizzare quanto progettiamo. Lo so che lo sai, ma altrettanto bene conosco quanto ci si lascia prendere dagli eventi, dal senso del dovere, dall'urgenza quotidiana al punto da "ignorare i segnali inequivocabili" che rischiano di spezzarci. E una volta spezzati...
    Il mio vuol essere solo un sostegno 😄, un incoraggiamento; e...a proposito del tuo scrivere sul blog: leggere le tue "cronache" e riflessioni e' sempre un piacevole e salutare sorso di preziosa, sincera umanità. Buone cose, con tutto il cuore.
    Lucia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucia,
      a leggerti pareva di sentire mia moglie o mia mamma...
      Le tue parole sono accorate, e così tanto gradite da me.
      Vivi in effetti in una zona dove la Natura ha ribaltato molto, e molto l'uomo dovrà fare per rimediare, recuperare, rifare.
      Guardavo quelle foreste sradicate, quelle frane e quelle dighe piene di tronchi, e mi veniva lo sgomento.
      A volte io mi lamento, ma troppo spesso credo di dimenticarmi che c'è di peggio, e che dovrei farla finita di fare piagnistei...
      Questa cosa mi fa sorridere, anche perchè proprio le mie adorate donne di casa sottolineano sempre quanto io poco mi lamenti in rapporto a quanto "senta/subisca".
      Comunque, ripartirò, non so quando, non so dove, e non so come..ma so che ripartirò.
      Questa è la mia Vita, me la sono scelta io come lei ha scelto me.
      Sarà un Natale agrodolce, ma troverò il modo di sorridere e di essere propositivo.
      Sotto l'alberò non desidero altro che...Tempo.
      Tempo per recuperare, Tempo per riposare, Tempo per fare.
      Buone cose a te, di cuore, e Grazie tante.
      A.A.

      Elimina
  14. Perdona il doppio messaggio: Ultimamente ho qlc difficoltà con i collegamenti del computer! 😌 e non riesco ad eliminarlo

    RispondiElimina
  15. Mi dispiace tanto tanto per tutti i pensieri e le preoccupazioni che state affrontando. La vita a volte può essere piena di insidie e cattive azioni ma quando si è uniti si può riuscire a far girare le cose diversamente.Tu, una volta mi hai detto che hai vissuto un po' di anni a Napoli e saprai allora cosa vuol dire Adda passa' a nuttat. Poi deve venire il giorno e vieni sempre il giorno e con la luce tutto può essere più chiaro e può essere più facile trovare soluzioni e coraggio. Ti auguro di trovare una soluzione a tutto e prego affinché avvenga tutto al più presto.Vi abbraccio tutti forte,un bacio alla piccola e ricorda che i bimbi portano fortuna.Buon Natale A.A,Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I bimbi portano Fortuna, gioia, e casino in casa...
      Quella povera mamma non fa pari a pulire casa...e questo mi fa sorridere tanto.
      Comunque, la nottata passerà, lunga e tribolata che sia, passerà.
      Rileggerò queste ultime pagine scritte con vergogna per essermi scoraggiato tanto, e riderò all'idea di quante tribolazioni ci siano toccate.
      So che ci berrò su un bicchiere di vino, e che tutto farà parte dei ricordi.
      Addà passà...
      Buon Natale a te Valentina, e Grazie.
      A.A.

      Elimina
  16. Ti ho trovato per caso ti ho seguito per passione mi trasmetti molto. Non ho mai scritto nulla ma ora mi sento così triste per te . Forse perché su strade diverse ci siamo trovati nello stesso punto. Coraggio prosegui tieni duro e ce la farai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tieni duro anche te, e grazie per le tue belle parole.
      A.A.

      Elimina